• Danny Caprio

Extinction - la recensione


Extinction è un film statunitense del 2018, del genere fantascienza e thriller, diretto da Ben Young su sceneggiatura di Spenser Cohen, Eric Heisserer e Brad Kane con protagonista Michael Peña (suo malgrado...).

Guardando questo film ho potuto apprezzare l’impegno profuso dal regista ed il plot in generale che gli permettono di arrivare oltre la sufficienza. La trama, non parlo troppo per evitare spoiler, sembrerebbe scontata: un uomo, Michael Peña, fa degli incubi su una possibile invasione aliena. Finché gli alieni non arrivano sul serio...




Dicevo che “sembrerebbe” banale, invece vi sorprenderà e non poco. Il vero tallone d’Achille è l’impostazione del film con i tempi completamente sbagliati. L’invasione aliena è quasi immediata, il “cambio di registro” idem...in pratica si scopre tutto troppo in fretta. Il comparto audio è assente o quasi e questi lunghi silenzi si ricollegano al film di Emily Blunt "A Quiet Place" (in questo caso però si parla di film muto).




Non me ne voglia inoltre Michael Peña ma questo ruolo non era adatto a lui...serviva qualcuno di più “aggressivo”. Non si può affidare ad un attore, seppur bravo, un ruolo che dovrebbe essere action.




Il finale lascia presagire un possibile “atto secondo” che magari potrebbe davvero essere migliore del primo. Netflix però ha realizzato un buon prodotto nella serie Sci-Fi, che ci prenda gusto???


Senza infamia e senza lode...6,5/10


Volete saperne di più? Seguiteci sul nostro podcast 

0 visualizzazioni